venerdì 17 novembre 2017

La Favola di Adamo ed Eva: credo di notare una leggera tensione in senso sociale!


Adesso voglio esprimere questa mia considerazione, ma non consideratemi ottimista. Tuttavia non sono nemmeno pessimista, non vedo il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, vedo semplicemente un bicchiere che potrebbe essere riempito di più, ma allo stesso tempo potrebbe essere vuoto. E’ perfetto così. Tuttavia, come cantava il buon Max “credo di notare una certa tensione sociale.” Adesso, ho letto dei commenti oltremodo scoraggiati per quello sfigato che ha fatto il saluto fascista a Marzabotto. Panico, esegesi sulla barbarie, poi Ostia, Far West, invasioni barbariche. Io posso dire con assoluta cognizione di causa, che le cose sono migliorate, rispetto a qualche decennio fa.

Fascismo. Un pomeriggio Giusva Fioravanti (quello della strage di Bologna) doveva far vedere al clan che era un duro. Disse al camerata di fermare la macchina, andò in un giardino, e sparò in testa ad un ragazzo che aveva la colpa di portare i capelli lunghi. Così, senza motivo. Negli anni settanta, a Milano come a Roma, c’era un omicidio politico da una parte o dall’altra. Militanti, giornalisti, giudici, operai, gente che se ne fregava, scambi di persona.

L’ondata di violenza sulle donne. Prima le donne erano picchiate, non avevano indipendenza economica, e soprattutto nel meridione era sentito profondamente il sacro vincolo del matrimonio. Oggi c’è molta, molta più sensibilità, le donne giustamente denunciano, e non è vero che gli uomini violenti se la cavano. Almeno, non sempre come si vuol far credere.

Politica. Ci lamentiamo dei politici di oggi, ma vogliamo parlare dei politici di ieri? Si sono mangiati l’Italia pezzo dopo pezzo, più di ottomila opere incompiute sparse per lo stivale, tangenti a profusione, alcuni erano dei veri e propri killer. Renzi, Bersani, Di Maio, Salvini, sono dei dilettanti allo sbaraglio. Certo, se poi parliamo dell’onestà di Berlinguer, o di Moro, tutti d’accordo, ma se oggi siamo infognati, la colpa è anche loro.

Sicurezza. Mostro di Firenze, boia di Albenga, i vari Bilancia… se accadessero cose del genere oggi, la gente sui social schizzerebbe, tutti chiusi in casa.

Il problema è uno. Considerate quel disgraziato a Marzabotto. Sapete quante migliaia di partite si sono giocate nei campionati dilettantistici, sapete quante partite si sono giocate a Marzabotto? Tuttavia, uno fa la cazzata, e siamo sull’orlo del baratro. Perché? Perché adesso abbiamo ondate di telegiornali, radiogiornali, giornali, giornali on line, micro giornali mentre stai guardando un film con Margherita Buy. Ecco, stai guardando l’iper romantico “Franch Kiss” sbam, in onda sintesi di fatti tragici, corpi maciullati, donne trovate nude nei sottopassaggi, non ti danno nemmeno il tempo di prepararti. La mattina, col cellulare vado su fb, e qualcuno mi manda fisso la foto di un animale fatto a pezzi. Che ansia ragazzi. Pensate che tutto questo non ci allarmi, o ci faccia bene?

Per questo non scambiamo l’insicurezza percepita con quella reale. Il governo pone la fiducia, e tutti a parlare di colpo di Stato. Avete mai visto le immagini di un colpo di Stato. Avete visto le poche foto dello stadio di Santiago del cile, le caserme occultate durante il regime della treade in Argentina? Insomma, ridiamo il giusto peso alle parole, altrimenti, come in quella favola, a forza di gridare al lupo al lupo, poi quando il lupo arriva, nessuno ti crede più!

M. Trincas

19 Novembre. Fumetto e Street Art #ColoriOltre


Organizzato da NUES
Domenica dalle ore 18:00 alle ore 21:00
Hostel Marina, Scalette San Sepolcro, Cagliari

La seconda giornata del Festival Nues è ricca di appuntamenti sui temi del fumetto e della street art! Quest'anno vi portiamo in Grecia, con l'inaugurazione dell'affascinante mostra "Street Art: Atene_Europa", realizzata grazie ai contribuiti fotografici del giornalista e critico Aris Malandrakis e dedicata alle opere artistiche di rigenerazione urbana che hanno coinvolto negli ultimi anni la capitale greca.

A seguire la presentazione della mostra "Il Ladro di Giallo", dedicata all'omonima opera a fumetti dell'artista greco Yiorgos Botsos, che presenta il volume in anteprima in Italia.
Vi facciamo infine conoscere il progetto "Parlare con i muri" che ha coinvolto gli allievi del Liceo Artistico e Musicale di Cagliari "Foiso Fois", seguiti da Carol Rollo e Ciro Francioso nella realizzazione di un bellissimo murale nei locali dell'Hostel Marina!

A concludere la serata, durante la quale Yiorgos Botsos proporrà una performance artistica dal vivo, l'aperitivo a fumetti dedicato alle tradizioni culinarie greche, accompagnato dal vino "Nues Storie Oltre" della Cantina Lilliu.

Location: Hostel Marina, presso Scalette S. Sepolcro, Cagliari.
Data e ora: 19 novembre 2017, ore 18.00

Le mostre saranno visitabili fino al 14 Gennaio 2018.
Gli orari: tutti i giorni dalle 10.30 alle 22.00

Tutte i dettagli sulle mostre e gli eventi:
STREET ART: ATENE_EUROPA http://www.centrointernazionalefumetto.it/it/eventi/street-art-atene-europa.html
IL LADRO DI GIALLO: http://www.centrointernazionalefumetto.it/it/eventi/il-ladro-di-giallo-e-altre-storie.html



Premio Letterario "Il gioco dei racconti", scadenza 15 Febbraio 2018


Il “Margherita caffè letterario”, con la collaborazione di “Edizioni Sa Babbaiola”, organizza il premio letterario:

Il gioco dei racconti”, il cui tema sarà “Insieme”.

La partecipazione è gratuita, il premio è riservato ai racconti brevi. I passi da rispettare per partecipare regolarmente al concorso, oltre ai suddetti, sono i seguenti:

–I vincitori dovranno acquistare almeno 3 copie dell’antologia, dove sarà presente il racconto di ognuno degli scrittori finalisti, al costo massimo di 12 euro  per ulteriori copie ci sarà uno sconto). essa avrà come titolo “insieme”e conterrà la prefazione della curatrice del concorso e la postfazione dell’editore.
–I partecipanti potranno presentare un solo elaborato inedito di loro produzione in lingua italiana. la lunghezza dei testi non dovrà superare le 10 cartelle ( dimensione 14 ) da risultare di massimo 10/11 pagine.

-Il testo dovrà essere mandato per mail a insiemecaffeletterario@gmail.com mentre il nome dell’autore e i dati personali dovranno essere indicati in un modulo di partecipazione, che verrà inviato insieme a tutte le altre info necessarie,su richiesta sempre al suddetto indirizzo mail

– La mail dovrà essere inviata entro il 15 febbraio 2018. Valutazione – tutti i lavori saranno sottoposti al giudizio di una giuria nominata dai promotori del concorso formata di 4 componenti, i cui nomi verranno pubblicati nell'opera insieme alla biografia dei prescelti. la giuria determinerà una classifica basandosi sulla propria sensibilità artistica e umana, in considerazione della qualità dello scritto, dei valori contenuti, della forma espositiva e delle emozioni suscitate. il giudizio della giuria sarà inappellabile ed insindacabile.

– Le premiazioni avverranno a maggio in data da definire presso il caffè letterario in Arbatax.
Potranno partecipare al concorso soltanto coloro che avranno compiuto i 15 anni di età.


Rassegna Stampa - 17 novembre 2017



Unione Sarda

Sardisti alla ricerca di un'identità, tra spaccature e nuove alleanze In vista delle elezioni, nella coalizione con Psd'Az e La Base entra anche Fortza Paris

«Il dissenso è fisiologico in tutti i grandi partiti con maggioranze e minoranze. Ognuno lo esprime a modo proprio». Il segretario del Psd'Az, Christian Solinas, chiude così la pratica sulla spaccatura che rischia di investire la galassia sardista. Proprio nel giorno in cui viene dato l'annuncio dell'adesione di Fortza Paris al polo civico-sardista di Psd'Az e la Base. Grande assente alla presentazione, il capogruppo del partito in Consiglio regionale Angelo Carta, che contesta al segretario la scelta di non condividere con gli organismi del partito le scelte recenti.

NERVI TESI Il clima all'interno del Partito sardo d'azione rischia di surriscaldarsi mentre attorno ci si organizza per definire le alleanze in vista delle elezioni. Prerogativa del segretario, ma Carta dice: «Non mi convince la conduzione personale. Siamo un partito strutturato che ha un consiglio nazionale in grado di decidere». Nessuna pregiudiziale sulla presenza di Fortza Paris o la Base, ma è questione di metodo prima ancora che di merito: «Dal primo luglio l'organismo non viene convocato e nel frattempo succedono cose che dovrebbero passare al vaglio del partito».

LE ALLEANZE L'ingresso di Fortza Paris rafforza il progetto autonomista e, soprattutto, incrementa il peso del polo civico-sardista. «Attraversiamo una fase post-ideologica», sottolinea Solinas, «per questo proponiamo temi concreti, un programma di governo e un'alleanza che alle politiche sarà raccolta sotto il simbolo dei Quattro mori». Il primo scoglio da superare è l'appuntamento con le elezioni politiche che, per effetto del Rosatellum, spingono verso le alleanze. «Il nostro obiettivo è portare la voce dei sardi in Parlamento», sottolinea Solinas, «non abbiamo scritto noi le regole, ma le utilizziamo». Per quanto riguarda il programma in cima alla lista c'è la tutela linguistica, il superamento del monopolio Tirrenia e rendere la finanza dei Comuni regionale.

LA NOVITÀ Il leader di Fortza Paris, Gianfranco Scalas, parla di un «ritorno a casa dopo tanti anni di divisioni». Per il presidente del partito suggellare questa nuova alleanza significa «dare ai sardi una risposta diversa rispetto a vent'anni di centrodestra e centrosinistra, incapaci di dare risposte». Anche per Scalas è fondamentale riuscire a «portare un rappresentante in Parlamento per trattare questioni importanti». Ad esempio il tema della presenza militare, argomento che Scalas conosce bene vista la sua decennale esperienza come colonnello del 151º reggimento della Brigata Sassari: «Ho sempre detto che serviva una compensazione ma anche il rispetto di tanti lavoratori». A dare il benvenuto a Fortza Paris c'è anche il presidente della Base, Efisio Arbau, che apre anche «alle altre forze civiche». Per Arbau quello che succede attorno al polo civico-sardista «non è tatticismo,ma la voglia di realizzare un progetto vero».

Matteo Sau


Unione Sarda

CAGLIARI - PARTITO DEMOCRATICO. L'area Fadda-Cabras è in minoranza ma
mantiene due assessori Montaldo: «Valuteremo se si stanno
rispettando gli accordi»«Una verifica sul programma»

Il Pd cagliaritano cambia rotta, senza cambiare gli allenatori. Nicola
Montaldo è stato confermato alla segreteria cittadina con un ampio
consenso e dall'analisi del voto emerge che sono cambiati gli scenari.
Tra i Dem cittadini si è registrata una cocente sconfitta per l'area
Fadda-Cabras, col 70 per cento degli iscritti che ha dato credito alle
correnti di Renzi e Soru.

«ORA LA VERIFICA» «È passato un anno e mezzo dalle elezioni comunali
ed è giusto che si inizi a verificare se si sta rispettando quanto
previsto nel programma elettorale preparato dal Partito democratico»,
annuncia Montaldo che mercoledì ha ricevuto la nomina ufficiale dopo
il voto espresso durante il congresso delle scorso fine settimana: su
70 delegati all'assemblea, 50 sono della maggioranza.

A un anno e mezzo dalle Amministrative cambiano quindi gli equilibri
nella colazione che ha portato alla conferma di Massimo Zedda, che non
ha vicino a sé esponenti della parte di Pd che ora guida in città. Nel
2016 erano quattro gli assessori Pd, Danilo Fadda, Luisa Anna Marras,
Claudia Medda e Yuri Marcialis: i primi due sono dell'area uscita
sconfitta dal congresso locale mentre la Medda non è stata indicata
dal Pd cagliaritano e l'assessore allo Sport aveva abbandonato la
corsa alle Primarie per entrare in Mdp.

«Dopo la mia elezione non ci
siamo ancora sentiti col sindaco - spiega Montaldo - non c'è nessuna
contrapposizione, ma serve una verifica sul programma perché bisogna
valutare se si sta facendo quello che era previsto oppure no».
L'elezione di Montaldo è fresca e i prossimi impegni saranno la
riunione dell'assemblea e la costituzione della direzione e della
segreteria, poi scatterà la fase operativa con la lente sul Comune.
«Faremo una verifica assieme ai consiglieri e agli assessori -
annuncia - col capogruppo abbiamo una visione analoga ed è importante
per il partito che segretario e gruppo consiliare la vedano nella
stessa maniera».

IL CAPOGRUPPO Il Partito democratico rivendica il ruolo determinante
avuto nelle ultime elezioni, confermando la vicinanza a Massimo Zedda.
«Non muterà di una virgola il sostegno nei confronti della Giunta»,
assicura Fabrizio Rodin, capogruppo in Consiglio comunale, «un parito
che ha i congressi esce più forte e un Pd più forte rafforza questa
maggioranza e questo sindaco. Il Pd è l'architrave di questa
maggioranza con dieci consiglieri e il presidente del Consiglio mentre
in Giunta abbiamo Danilo Fadda e Luisa Anna Marras, a loro volta
architravi importanti della Giunta».

Mancano solo gli ultimi passi del
congresso e anche Francesco Lilliu potrà essere confermato alla guida
della segreteria provinciale. La conferma dei due segretari non era
data per scontata perché diversi pezzi da novanta del partito si sono
mossi e per la prima volta l'area Fadda-Cabras è finita in minoranza.
Anche Francesco Lilliu, che continuerà a gestire il partito a livello
metropolitano, garantisce il sostegno al sindaco.

«ZEDDA CI RAPPRESENTA» «La prima persona che deve essere contenta di
un Pd forte è il sindaco di Cagliari e metropolitano - commenta Lilliu
- in questi anni lui ha sempre rappresentato tutto il centrosinistra e
nutro molta fiducia in lui». A ridosso dal voto i due segretari del Pd
partono cauti, ma nel partito sono molti a spingere perché il sindaco
metta mano alla sua squadra di governo. «Apprezzo molto il lavoro che
stanno facendo Luisa Anna Marras e Danilo Fadda - conclude Lilliu - il
Pd continuerà ad aiutare Zedda nella sua azione di governo, ma
potrebbe esserci bisogno di un riequilibrio».
Marcello Zasso

La Nuova

fondi ai gruppi - Milia chiede l'abbreviato altri dodici a giudizio
di Mauro Lissia

CAGLIARIL'ex assessore regionale ai Beni culturali Sergio Milia
sceglie il giudizio abbreviato, l'ex consigliere Sergio Obinu chiede
di patteggiare la pena, altri dodici onorevoli ed ex onorevoli del
centrodestra e del gruppo Fortza Paris, alcuni già condannati nel
procedimento principale, andranno davanti al tribunale collegiale per
essere processati col rito ordinario. Appuntamento al 12 dicembre per
accogliere le istanze, determinare la pena che toccherà a Obinu e
fissare la data di apertura di un dibattimento che si preannuncia
lunghissimo per il numero degli imputati.

Non è durata più di un'ora e
mezzo l'udienza preliminare nell'aula del gup Giovanni Massidda, il
tempo perché il giudice prendesse atto delle richieste e il pm Marco
Cocco confermasse com'era scontato l'accusa di peculato continuato per
l'ultimo gruppo di politici che hanno formato la massima assemblea
elettiva sarda nella legislatura 2004-2009, quella guidata da Renato
Soru. Nel capo d'imputazione i nomi di amministratori di lungo corso,
personaggi che hanno dominato la scena regionale fin dai primi anni
Ottanta: da Salvatore Amadu e Giorgio Oppi, da Silvestro Ladu e
Pasquale Onida, finiti insieme a colleghi meno conosciuti nel
calderone di un'inchiesta giudiziaria che coinvolge ormai oltre cento
deputati isolani e che alla conclusione dei giudizi potrebbe aver
stroncato la carriera a due generazioni di politici.

Imputati fra gli
altri anche il sindaco di Tempio Andrea Biancareddu e il parlamentare
Roberto Capelli. Le contestazioni contenute negli atti firmati dal pm
Cocco sono speculari a quelle delle altre tranches d'inchiesta:
peculato per l'uso improprio dei fondi pubblici destinati al
funzionamento dei gruppi consiliari, spese per migliaia di euro non
giustificate e denaro sparito in chissà quali tasche. Nell'avviso di
chiusa indagine compaiono elenchi di assegni, col numero di conto e la
banca di riferimento, prelievi allo sportello e accrediti che fanno
invariabilmente riferimento ai consiglieri e non fanno parte delle
sontuose indennità riservate agli onorevoli, una sorta di stipendio
extra che veniva accreditato liberamente in quella sorta di zona
franca fiscale che sembrava essere il palazzo di via Roma. Soldi in
più che - stando ad accuse ormai confermate in sentenze della
Cassazione, della Corte d'Appello e delle sezioni di tribunale
cagliaritane - venivano spartiti fra i gruppi politici e poi fra la
maggior parte dei singoli consiglieri regionali perché li spendessero
a piacimento, senza neppure il disturbo di comunicare come e perché.
Finora, nel corso dei processi,

i difensori si sono appellati
all'autonomia dell'assemblea pubblica e soprattutto a una vecchia
delibera della presidenza in cui i criteri di rendicontazione delle
spese risultano molto larghi, sostanzialmente inesistenti. Ma i
tribunali giudicano soltanto in base alle leggi dello stato e al
codice penale.Ecco l'elenco degli imputati, con le cifre contestate
dalla Procura: il tempiese Andrea Biancareddu (165.113 euro),
l'oristanese Francesco Ignazio Cuccu (175265), i sassaresi Sergio
Milia (168.552) e Salvatore Amadu (21300), i cagliaritani padroni
dell'Aias Vittorio Randazzo (30302) e Alberto Randazzo (91014), Sergio
Marracini (26500), Antonio Cappai (36766), Giorgio Oppi di Iglesias
(112950), Sergio Obinu di Sindia (655258), il nuorese Roberto Capelli
(129500), Silvestro Ladu di Bitti (13517), Pasquale Onida di Oristano
(26310) ed Eugenio Murgioni di Castiadas (43000). I difensori sono
Guido Manca Bitti, Luigi e Pierluigi Concas, Massimiliano Ravenna,
Anna Maria Busia, Guido Da Tome, Leonardo Filippi, Paolo Loria e
Giuseppe Motzo. Ritorneranno davanti ai giudici dopo la prima condanna
Amadu, i due Randazzo, Marracini e Ladu, hanno precedenti per altri
reati Biancareddu e Murgioni.

È un torinese ex consulente M5s. Strappo anche coi sindacati: sciopero generale
Scontro sul portavoce dell'Ats

CAGLIARILa sanità continua a essere un campo di battaglia e gli
scontri si moltiplicano di giorno in giorno. Dopo il litigio a
distanza fra Forza Italia e la Regione sulla nomina del direttore
dell'Areus, Giorgio Lenzotti, a sollevare ancor di più il tono della
polemica è stata un'altra nomina, quella del portavoce del manager
dell'Ats. Mentre su un altro fronte i sindacati hanno rotto le
trattative con l'assessorato e l'Azienda unica e si dicono pronti a
organizzare uno sciopero generale della sanità. La nomina. È stata
pubblicata giovedì a la delibera con cui il direttore generale
dell'Ats, Fulvio Moirano, ha scelto come portavoce Massimiliano
Abbruzzese, torinese classe 1971, già consulente dei Cinque stelle nel
Consiglio regionale del Piemonte e in precedenza dell'Idv. Risultato:
è scoppiata la polemica. «Succede che nell'Ats, ormai trasformata in
Azienda Torinese della Sanità - ironizza il consigliere Paolo Truzzu,
Fdi - il dg abbia nominato, lo stipendio sarà di 50mila euro l'anno,
un corregionale, mentre allo stesso tempo è alla ricerca anche di ben
cinque addetti stampa per la comunicazione istituzionale».

 Sulla stessa linea Forza Italia. «La sanità - dice il coordinatore Ugo
Cappellacci - è ormai diventato un regno sardo-piemontese, o forse
meglio piemontese-sardo». Ma è ancora più duro il giudizio di Campo
progressista, partito della coalizione di centrosinistra al governo.
«È sorprendente - fa sapere il senatore Luciano Uras - come ormai
ingaggiamo solo piemontesi e, in questo caso, con professionalità così
eccelse che derivano da relazioni politiche molto distanti
dall'alleanza che ha vinto le Regionali nel 2013. Credo che questo sia
l'ennesimo atto offensivo verso le professionalità sarde».I sindacati.
Cgil, Cisl e Uil sono sul piede di guerra per la mancata convocazione
da parte dell'Ats e dell'assessorato di un confronto sulla sanità dopo
le varie riforme. La rottura è ufficiale e - si legge in un comunicato
- se «non ci saranno risposte immediate, sarà sciopero generale». Tra
le questioni aperte non solo la riorganizzazione ma anche gli orari di
lavoro, la retribuzione delle festività infrasettimanali e le
indennità previste dagli accordi integrativi ora bloccate.

L'economia non riparte Segni più solo dal turismo
di Francesco G. Pinna

ORISTANOL'Italia cresce meno dell'Europa e la Sardegna fa anche peggio
perché cresce perfino meno dell'Italia. Nel 2018 però l'economia sarda
potrebbe camminare un po' più veloce rispetto a quanto ha fatto nel
primo semestre del 2017. A questo arco di tempo si riferiscono infatti
i dati statistici elaborati dalla Banca d'Italia e presentati ieri
mattina a Oristano. Dati anche contraddittori che però aprono uno
spiraglio di ottimismo per l'immediato futuro, hanno fatto capire il
direttore della sede di Cagliari della Banca nazionale Luigi Bettoni e
i suoi collaboratori. Da una parte, per esempio, l'economia fa segnare
una crescita, seppure lieve.

Dall'altra, invece, il dato sulla
occupazione porta il segno meno e a calare in maniera preoccupante
sono purtroppo gli occupati a tempo indeterminato. Un calo così
pesante da non compensare l'aumento dei contratti a tempo determinato
e la crescita dei lavoratori autonomi. Quello che ne viene fuori,
secondo Alessandro Mura, dell'università di Cagliari, è un «quadro
drammatico» caratterizzato da una occupazione sempre più precaria e
dove i maschi lavorano più delle donne e i giovani meno degli anziani.
Fermandosi ai numeri, un dato sicuramente positivo è quello relativo
alla esportazione di merci. Nel primo semestre dell'anno in corso le
esportazioni sono aumentate infatti del 47,5 per cento, molto di più
del Meridione e della media nazionale. Peccato però che
contemporaneamente siano aumentate, quasi nella stessa misura, anche
le importazioni e che la fetta più grossa dell'import- export sia
legata alle attività di raffinazione del petrolio greggio, che viene
importato, e di vendita dei prodotti derivati, che vengono invece esportati.

Bene anche le esportazioni dell'industria meccanica,
chimica e metallifera, male invece quelle del comparto alimentare, che
ha tante eccellenze ma paga il crollo dei prezzi del settore lattiero
caseario. E male anche per il settore delle costruzioni. Segno
positivo per le ristrutturazioni, ancora negativo invece per quanto
riguarda le nuove costruzioni e il settore delle opere pubbliche, che
non decolla anche per colpa del nuovo Codice degli appalti, con
qualche segnale di ottimismo comunque per il 2018. Un settore che va
sicuramente bene è il turismo. Dati in crescita soprattutto per merito
degli stranieri e buoni affari per le imprese dell'accoglienza e della
ristorazione e per porti e aeroporti.

Positivi anche i dati del
commercio, che ha beneficiato dell'aumento della spesa delle famiglie
per i beni durevoli e per gli autoveicoli in particolare e in misura
minore anche per i beni di consumo. Come hanno sottolineato gli
esperti, l'aumento di spesa è stato favorito dalla crescita del
credito alle famiglie, mentre quello alle imprese è ristagna. L'ultima
parola è stata lasciata al presidente di Confindustria Nord Sardegna
Guido Ruggiu, che ha sottolineato il ruolo fondamentale delle imprese
per la creazione di nuova occupazione. «Non sarà certo la pubblica
amministrazione a offrire nuovi posti di lavoro», ha detto Ruggiu
denunciando il peso della burocrazia e auspicando una riduzione dei
carichi fiscali e tributari che potrebbe liberare risorse destinate
agli investimenti.

Unione Sarda

Sardisti alla ricerca di un'identità, tra spaccature e nuove alleanze
In vista delle elezioni, nella coalizione con Psd'Az e La Base entra
anche Fortza Paris

«Il dissenso è fisiologico in tutti i grandi partiti con maggioranze e
minoranze. Ognuno lo esprime a modo proprio». Il segretario del
Psd'Az, Christian Solinas, chiude così la pratica sulla spaccatura che
rischia di investire la galassia sardista. Proprio nel giorno in cui
viene dato l'annuncio dell'adesione di Fortza Paris al polo
civico-sardista di Psd'Az e la Base. Grande assente alla
presentazione, il capogruppo del partito in Consiglio regionale Angelo
Carta, che contesta al segretario la scelta di non condividere con gli
organismi del partito le scelte recenti.

NERVI TESI Il clima all'interno del Partito sardo d'azione rischia di
surriscaldarsi mentre attorno ci si organizza per definire le alleanze
in vista delle elezioni. Prerogativa del segretario, ma Carta dice:
«Non mi convince la conduzione personale. Siamo un partito strutturato
che ha un consiglio nazionale in grado di decidere». Nessuna
pregiudiziale sulla presenza di Fortza Paris o la Base, ma è questione
di metodo prima ancora che di merito: «Dal primo luglio l'organismo
non viene convocato e nel frattempo succedono cose che dovrebbero
passare al vaglio del partito».

LE ALLEANZE L'ingresso di Fortza Paris rafforza il progetto
autonomista e, soprattutto, incrementa il peso del polo
civico-sardista. «Attraversiamo una fase post-ideologica», sottolinea
Solinas, «per questo proponiamo temi concreti, un programma di governo
e un'alleanza che alle politiche sarà raccolta sotto il simbolo dei
Quattro mori». Il primo scoglio da superare è l'appuntamento con le
elezioni politiche che, per effetto del Rosatellum, spingono verso le
alleanze. «Il nostro obiettivo è portare la voce dei sardi in
Parlamento», sottolinea Solinas, «non abbiamo scritto noi le regole,
ma le utilizziamo». Per quanto riguarda il programma in cima alla
lista c'è la tutela linguistica, il superamento del monopolio Tirrenia
e rendere la finanza dei Comuni regionale.

LA NOVITÀ Il leader di Fortza Paris, Gianfranco Scalas, parla di un
«ritorno a casa dopo tanti anni di divisioni». Per il presidente del
partito suggellare questa nuova alleanza significa «dare ai sardi una
risposta diversa rispetto a vent'anni di centrodestra e
centrosinistra, incapaci di dare risposte». Anche per Scalas è
fondamentale riuscire a «portare un rappresentante in Parlamento per
trattare questioni importanti». Ad esempio il tema della presenza
militare, argomento che Scalas conosce bene vista la sua decennale
esperienza come colonnello del 151º reggimento della Brigata Sassari:
«Ho sempre detto che serviva una compensazione ma anche il rispetto di
tanti lavoratori». A dare il benvenuto a Fortza Paris c'è anche il
presidente della Base, Efisio Arbau, che apre anche «alle altre forze
civiche». Per Arbau quello che succede attorno al polo civico-sardista
«non è tatticismo, ma la voglia di realizzare un progetto vero».
Matteo Sau

FONDI AI GRUPPI. Processo ai politici Udc e Fortza Paris
Peculato, Obinu vuole patteggiare

Dei 14 consiglieri regionali di Fortza Paris e Udc finiti davanti al
gup Giovanni Massidda nell'inchiesta sui fondi ai gruppi (tredicesima
legislatura, 2004-2008), uno chiede il patteggiamento, un secondo
sceglie l'abbreviato e tutti gli altri restano in udienza preliminare.
Esito dell'appuntamento di ieri, che proseguirà il 12 dicembre con i
testimoni nel processo a Sergio Milia dell'Udc: accusato di spese
ritenute illecite per 90 mila euro, i suoi avvocati Luigi Concas e
Luigi Satta hanno chiesto l'abbreviato; per il collega di partito
Sergio Obinu (90 mila euro), i legali Pierluigi Concas e Massimiliano
Ravenna si sono accordati col pm Marco Cocco per 2 anni; per gli altri
esponenti dell'Unione di centro Andrea Biancareddu (157 mila euro),
Francesco Ignazio Sisinnio Cuccu (14 mila), Sergio Marracini (26
mila), Vittorio Randazzo (30 mila), Antonio Cappai (10 mila),
Salvatore Amadu (21 mila), Alberto Randazzo (12 mila), Giorgio Oppi
(112.950) e Roberto Capelli (129.500) e per i consiglieri di Fortza
Paris Eugenio Murgioni (43 mila), Silvestro Ladu (12 mila) e Pasquale
Onida (20 mila), i difensori Massimo Delogu, Leonardo Filippi, Guido
Manca Bitti, Paolo Loria, Annamaria Busia, Laura Onida, Concas e
Ravenna chiederanno il non luogo a procedere e il pm presumibilmente
il rinvio a giudizio. Renato Lai è stato prosciolto tempo fa.

Voto di genere, sfuma l'accordo in Commissione
Doppia preferenza in bilico

Si complica il percorso della doppia preferenza di genere a causa
delle divisioni in Consiglio regionale. Dopo lo slittamento deciso
martedì scorso in aula per risolvere le questioni tecniche legate al
numero di candidati e alle liste paritarie, manca ancora la
quadratura. Ieri mattina si è riunita la commissione Autonomia per
analizzare nel dettaglio l'emendamento che prevede di aumentare il
numero dei candidati per raggiungere un numero pari nei collegi in cui
è prevista un'attribuzione di seggi dispari. Un cavillo tecnico che
per l'Ogliastra prevede di aumentare da due a quattro i candidati per
garantire la parità e la possibilità di scegliere relativamente al
meccanismo della doppia preferenza di genere. Una scelta che non piace
al Partito dei sardi che contesta questa decisione perché «raddoppia
il voto di lista e pone il collegio Ogliastra in una posizione di
supremazia nel calcolo dei resti», spiega il capogruppo, Gianfranco
Congiu. Il presidente della commissione, Francesco Agus (Cp) riferisce
di aver portato all'attenzione del parlamentino le simulazioni in cui
è dimostrato che non ci sarebbe nessuna alterazione del voto.

Dunque, resta ancora in bilico un emendamento che oltre prevedere il numero
pari di candidati, impone anche di strutturare le liste in modo che
siano composte al 50% da maschi e al 50% da donne. La doppia
preferenza di genere rischia di arenarsi e per questo la segreteria
del Coordinamento3-Donne di Sardegna chiede che «i capigruppo si
accordino per superare l'emendamento e approvino il testo originale».
(m. s.)

CARBONIA.Regole più rigide per i conti degli assessori e del Consiglio
Dal 2012 a oggi spesi oltre 70 mila euro. Ora il cambio di rotta

L'opposizione consiliare ha gridato allo scandalo parlando di una
“rimborsopoli” alla carboniense. Il riferimento era ai risarcimenti
viaggio percepiti da tre assessori della Giunta M5S di Paola Massidda
non residenti a Carbonia (Mauro Manca, Gian Luca Lai, Sabrina Sabiu),
per impegni istituzionali che comprendevano sia le sedute di Giunta e
Consiglio, sia tutte le altre incombenze che richiedevano la presenza
in città dei tre amministratori. Rimborsi che ora saranno
esclusivamente limitati alle riunioni di esecutivo e assemblea civica,
così come deciso dagli uffici: hanno stabilito che, da ora in poi, ci
si atterrà ai recenti pronunciamenti di alcune Corti dei Conti
esattamente come ha chiesto la minoranza. La decisione non ha valore
retroattivo, tuttavia gli amministratori in carica hanno deciso che
restituiranno tutto ciò che, in base alle nuove regole, non era dovuto.

IL RISPARMIO Si tratta di una novità importante, un paletto che
consentirà forti risparmi su una voce di spesa già calata, e di tanto,
negli ultimi anni. Per farsi un'idea si possono analizzare i dati
degli ultimi 5 anni. Dal 2012 a oggi il rimborso per i viaggi, in
particolare dei consiglieri, dalla propria residenza alla “casa
comunale”, è costato al contribuente oltre 70 mila euro. I conti
riguardano i cinque anni dell'ex amministrazione Casti (40
consiglieri) e l'inizio della nuova (24) e si riferiscono a chi aveva
la residenza in un altro Comune o in una delle 5 frazioni di Carbonia.

Per la passata amministrazione riguardano i rimborsi pagati a Tore
Mascia, Mario Porcu, Pietro Morittu, Matteo Sestu, Antonio Caggiari,
Giuseppe Meletti, Arturo Troilo, Fulvio Cabiddu, Efisio Aru, Marco
Loi, Massimo Usai, Federico Fantinel, Antonello Vargiu, Giancarlo
Podda, Marco Murru e Orlando Meloni; per l'attuale amministrazione,
Federico Fantinel e Silvia Pinna. Ma i risarcimenti erano previsti
anche per le missioni (biglietti aerei e soggiorno) degli
amministratori e dei consiglieri.

I CONTI Per il Consiglio, nel 2012 sono stati spesi 4.900 euro, poi
26.000 nel 2013, quindi 14.900 nel 2014 e 15.800 nel 2015. Ci si è
fermati a 3.500 euro (anno delle elezioni) nel 2016. Crollo drastico
nell'anno in corso: 700 euro. Pari a zero i rimborsi viaggio degli ex
assessori di Casti (tutti di Carbonia), ma diventano circa 2.500 euro
(missioni comprese) nel 2016 e schizzano a 2.900 quest'anno, fra
sedute previste e altri mandati ora non più rimborsabili. «Rispettiamo
i pronunciamenti delle Corti dei Conti - conferma il sindaco - da ora
in poi si seguiranno le nuove direttive».
Andrea Scano

TORTOLÌ. Sono Ivan Puddu e Sabina Puncioni
Articolo 1 elegge i delegati

Si è svolta mercoledì, nella biblioteca di Tortolì, l'assemblea
programmatica di Articolo 1 Mdp in Ogliastra. Tra i temi all'ordine
del giorno viabilità, scuola, sanità, turismo e attività produttive.
Argomento sul tavolo della politica regionale ad iniziare dal
dimensionamento scolastico, la legge sul turismo, e la questione
dell'Orientale. Sono stati eletti due delegati, Ivan Puddu e Sabina
Puncioni.

Rappresenteranno il movimento all'assemblea nazionale, in cui i
delegati provinciali realizzeranno un documento comune da presentare
alla riunione di coalizione con Possibile e Sinistra Italiana, il 2
dicembre. «Fino a quella data - dice Ivan Puddu consigliere comunale
di Baunei, ex Sel - l'obiettivo è creare una rete nel territorio, uno
spazio di discussione a sinistra per recuperare il rapporto con la
società civile, le associazioni, le cooperative, dare voce al
territorio, quella voce che il Pd non è riuscita a dare. La rottura
non è con il Pd locale, con cui lavoriamo a obiettivi comuni».

Dello stesso avviso Matteo Stochino, consigliere comunale di Lanusei
che non ha rinnovato la tessera Pd e che spiega: «In Ogliastra abbiamo
un patrimonio di buona politica condivisa con il Pd, ma i risultati di
alcuni tavoli di lavoro non hanno avuto riscontro oltre l'Ogliastra,
perché l'etichetta Pd ha penalizzato. La priorità è recuperare la
capacità di autodeterminare la nostra politica e la nostra spesa».
Paola Cama

La Nuova

L'emendamento sulla parità di genere nelle liste rischia di affossare
un'altra volta la legge. Doppia preferenza, ancora niente accordo

CAGLIARINon ci saranno trucchi e neanche complotti, d'accordo, ma
all'improvviso la doppia preferenza di genere ancora una volta sembra
essere finita in trappola. Il ritorno in commissione della leggina non
è servito per ora a smussare le differenze saltate fuori martedì in
aula, col rinvio del voto di una settimana. A rimettere in discussione
se non tutto almeno gran parte di una riforma che fino a qualche
giorno sembrava scontata, è un emendamento. Ribattezzato l'emendamento
della discordia, dovrebbe permettere non solo la possibilità di una
gara alla pari fra donne e uomini al momento del voto, ma anche
l'obbligo (si noti bene non più una possibilità, diventerebbe
un'imposizione) che anche le liste dei partiti siano composte al 50
per cento da candidate e al 50 per cento da candidati. Però per far sì
che questo avvenga in tutti gli otto collegi,

i casi da risolvere sono
due: il Medio Campidano da tre posti in lista, ed è questo il numero
dei seggi assegnati a Sanluri e dintorni, dovrebbe passare a quattro,
altrimenti sarebbe impossibile garantire il 50 e 50 di cui sopra. Poi
c'è il caso Ogliastra, dove le liste sono composte da due soli
candidati, è lo stesso numero dei seggi assegnati, ma con un'«offerta
elettorale» così ristretta il voto rischierebbe di essere fin troppo
controllato, e quindi la proposta è quella di raddoppiare i candidati,
due donne e due uomini. Se questo è il contenuto dell'emendamento su
cui sono d'accordo Pd e Forza Italia, più anche Campo progressista, il
Partito dei sardi è contrario. E lo è con questa motivazione:
modificare il numero dei candidati alla fine potrebbe alterare, il
calcolo dei seggi assegnati con i resti.

Ricostruzione però contestata
da chi sostiene invece l'emendamento, con tanto di proiezioni dei voti
ottenuti dai partiti nel 2014 sulle prossime regionali del 2019.
Secondo questa simulazione, non ci sarebbero stravolgimenti e tutto
rimarrebbe come quattro anni fa. Nonostante queste simulazioni, le
posizioni contrapposte sono rimaste quelle di partenza. La maggioranza
allargata non ha ritirato l'emendamento e lo stesso ha fatto il
Partito dei sardi, che martedì scorso, in aula, si era presentato con
un contro-emendamento destinato a far franare il primo. Come finirà?
Ieri la commissione s'è conclusa con un nulla di fatto ma con
l'impegno che «ci ritroveremo martedì prossimo poco prima della seduta
del Consiglio». Ma la soluzione, o forse meglio il compromesso, non
sembra essere all'orizzonte ed ecco perché la doppia preferenza di
genere pare essere finita in trappola ancora una volta.

Il movimento stringe un patto per le politiche con Psd'Az e La Base
Polo sardista, arriva Fortza Paris

CAGLIARI Il fronte civico-sardista cresce ancora. Fortza Paris si è
affiancato al Psd'Az e a La Base, e di sicuro insieme si presenteranno
alle Politiche del 2018. Con chi? È ancora un mistero. Ci sono un bel
po' di trattative in corso col centrodestra, gli interlocutori sono
gli entusiasti Sgarbi e Tremonti, ma anche col centrosinistra.
«L'unica certezza - ha detto il segretario del Psd'Az Christian
Solinas - è che l'alleanza, destinata a essere allargata ad altri
partiti e movimenti, si presenterà sotto il simbolo storico dei
Quatttro Mori». L'accordo politico è stato firmato. «Abbiamo riunito
un altro tassello del Ps'Az che fu - è stato detto - Riprendiamo a
condividere simboli e prospettive.

A cominciare dalla volontà di
tutelare, in Parlamento, la lingua sarda. Vogliamo dare sostanza alla
nascita di una scuola sarda e far sì che, come in altre Regioni,, ai
dipendenti pubblici sia riconosciuta l'indennità linguistica». Poi,
nel programma, ci sono la risoluzione della convenzione con Tirrenia,
il controllo regionale di porti e aeroporti e una finanza regionale
per i Comuni sardi, per liberarli dal giogo statale. «Il nostro è un
progetto aperto - ha detto Efisio Arbau de La Base - e il compito di
dialogare con movimenti e partiti l'abbiamo affidato a Solinas».
Scelta che di sicuro scatenerà la protesta della minoranza del Psd'Az,
guidata dal consigliere regionale Angelo Carta, che ha già criticato
gli ultimi contatti con Sgarbi e Tremonti.

Polemiche interne a parte,
Gianfranco Scalas, segretario di Fortza Paris, ha ribadito: «Oggi è un
giorno importante, le anime sardiste si ricongiungono, sottoscrivono
un patto che non sarà solo elettorale es è destinato a resistere
nonostante le differenze fra i nostri partiti». Il Fronte non è certo
soddisfatto di quanto fatto finora dal centrosinistra al governo della
Regione nella trattativa con Palazzo Chigi, «Ha commesso troppi
errori», ma non lo è neanche del centrodestra, con cui il Psd'Az ha
perso le Regionali del 2013, e che «dai banchi dell'opposizione
avrebbe dovuto di più». Ma con uno dei due poli dovrà allearsi: è
quasi impossibile che nel 2018 corra da solo.


-----------------
Federico Marini
skype: federico1970ca